La versione standard di NAV è priva della gestione dei conti C/G a partite, indispensabile per la riconciliazione dei movimenti in aziende che gestiscono decine o centinaia di migliaia di registrazioni. La gestione a partite è una comoda funzionalità, che si può implementare con una facile personalizzazione.

Cosa è un conto a partite? È un conto il cui saldo attuale è formato dai soli movimenti “aperti”, perché quelli precedenti sono stati abbinati, quindi chiusi ed algebricamente pari a zero. Prendiamo ad esempio i conti di debito verso l’erario. Essi si alimentano continuamente durante il mese a seguito delle registrazioni. Periodicamente (tipicamente al giorno 16 del mese) parte del debito viene chiusa dal pagamento delle imposte del mese precedente. Il conto però non va mai a zero perché al giorno del pagamento sono già presenti le registrazioni dei primi giorni del mese successivo. Il contabile che volesse procedere ad una riconciliazione, non ha alternativa che stampare il mastrino e spuntare a mano riga per riga.

 

Come si può vedere nell’esempio il saldo di 1.417 è formato dalle sole registrazioni del 05/11, sebbene eseguendo il drilldown del conto appaiano tutti i movimenti, precedenti e successivi.

La personalizzazione si attiva mediante il flag “consenti collegamento” nella scheda del conto C/G, che alimenta una tabella di dettaglio che tiene i collegamenti tra le partite.

Da questo momento ogni registrazione, nell’ambito dello stesso conto C/G, può essere collegata ad un altra, realizzando una gestione a partite molto simile a quella dei clienti o dei fornitori.

Terminato il collegamento, il drilldown del conto mostra solo le “partite aperte” rendendo notevolmente più semplice la riconciliazione del saldo.

Puoi scaricare qui la personalizzazione, fatta su base NAV 2015, in formato TXT.

Download oggetti